Come fare la pasta cresciuta, ricetta base

La pasta cresciuta è una pastella molto semplice che si prepara a Napoli per le fritture, rendendole ancora più croccanti e saporite! Nel mio blog non poteva mancare come ricetta base, anche perchè per mia madre ogni occasione è buona per preparare pizzelle di pasta cresciuta e chiaramente io ho imparato da lei

A Napoli si utilizza per fare pizzelle di tutti i tipi: con verdure, come broccoli, cavolo, zucchine, melanzane, o le famose frittelle di alghe. E’ un’ottima soluzione per smaltire verdure lessate che vi sono rimaste!!

Ma la pastella è ottima anche per fare le pizzelle di baccalà, dei sofficissimi bocconcini di pastella e baccalà,  a cui non si può resistere della serie una tira l’altra!

pasta cresciuta

Come fare la pasta cresciuta, ricetta base

Le dosi che vi indico sono indicative, in quanto l’acqua che sarà assorbita dipende dal tipo di farina che utilizzate.

Per il numero di frittelle che otterrete, anche qui, dipende dalla quantità di “ripieno che utilizzerete”.

Ingedienti per circa 30 pizzelle:

  • 250 g di farina
  • 250 g di acqua
  • 10 g di lievito di birra

Procedimento:

Preparare la pastella con la farina, l’acqua tiepida, un po’ di lievito di birra (la quantità dipende dal tempo che avete per far lievitare la pastella).

Amalgamare bene, la pastella deve essere morbida, ma non troppo liquida, nel caso aggiungete acqua o farina per ottenere la consistenza desiderata.

Far lievitare la pastella per circa 2 ore.

Aggiungere il ripieno desiderato e friggere in olio bollente, poche frittelle per volta, perchè continueranno a crescere durante la cottura!

Bon appetit…

Vuoi ricevere la newsletter del mio blog? Clicca qui, periodicamente ti arriveranno le ultime  ricette pubblicate o qualche idea speciale scelta per te!

Ti ricordo inoltre che puoi seguirmi anche su facebook o su twitter!

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.