Spaghetti con il nero di seppia

Spaghetti con il nero di seppia

Gli spaghetti con il nero di seppia sono un primo piatto a base di pesce davvero ottimo.

Forse fanno un po’ impressione alla vista, ma se riuscite a superare l’impatto visivo, questi spaghetti con il nero di seppia vi conquisteranno

Per la perfetta riuscita della ricetta, le seppie devono essere freschissime, in quanto è necessario che abbiano il sacchetto con il nero. Quando le seppie sono vecchie o congelate il nero non è più utilizzabile, in quanto è condensato.

spaghetti con il nero di seppia

Spaghetti con il nero di seppia

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di seppie freschissime (con il sacchetto del nero)
  • 320 g di spaghetti
  • 4 – 5 di cucchiai di passata di pomodoro
  • Prezzemolo
  • 1 scalogno
  • Olio extra vergine d’oliva
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • Pepe nero in grani

Preparazione:

Pulire e lavare le seppie, mettendo a parte due sacchetti del nero  (o uno se la seppia è grande). Tagliare le seppie a pezzi. Tagliare lo scalogno a fettine. Mettere un po’ di olio in una pentola, e far soffriggere lo scalogno. Aggiungere le seppie e continuare a soffriggere, fino a quando si sarà consumata tutta l’acqua che cacciano le seppie. Sfumare con il vino bianco, aggiungere il  pomodoro, un po’ di prezzemolo. In un po’ di acqua far sciogliere il nero delle seppie ed aggiungerlo al sugo. Aggiustare di sale e far cucinare per circa 30 minuti.

Se vi piace il gusto del pepe, potete schiacciare grossolanamente il pepe nero ed aggiungerlo al sugo.

Cuocere gli spaghetti on abbondante acqua salata, colarli e condirli con il nero di seppia, aggiungere un po’ di prezzemolo tritato e servire subito.

Bon appetit…

Vuoi ricevere la newsletter del mio blog? Clicca qui, periodicamente ti arriveranno le ultime  ricette pubblicate o qualche idea speciale scelta per te!

Ti ricordo inoltre che puoi seguirmi anche su facebook o su twitter!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.