Insalata di rinforzo

Insalata di rinforzo

L’insalata di rinforzo è un altro di quei piatti che a Napoli non può mancare la sera della vigilia di Natale e per la durata di tutte le feste!

La ricetta dell’insalata di rinforzo varia di casa in casa, a secondo della tradizione familiare tramandata, gli ingredienti che non possono mancare sono però la giardiniera, le papacelle e le alici salate.

Ecco come prepariamo l’insalata di rinforzo a casa nostra:

insalata di rinforzo

Insalata di rinforzo

Ingredienti:

  • 250 g di giardiniera (potete acquistarla sfusa o il barattolino)
  • 10 cetriolini
  • cipolline sott’aceto
  • 2 papaccelle dolci
  • 2 papaccelle piccanti
  • alici salate
  • 1 cavolo piccolo
  • olive verdi

Procedimento:

Lessare il cavolo tagliato in cime in acqua bollente e salata, facendo attenzione a non farlo scuocere, quindi per circa 10 minuti.

Sciacquare i sott’aceti. Pulire le papaccelle e tagliarle a pezzetti. Pulire le alici salate.

In un piatto da portata mettere al centro il cavolo e intorno disporre la giardiniera, le olive, le papaccelle, i cetriolini, le cipolline ed infine le alici salate.

Condire con un filo di olio.

Bon appetit…

Vuoi ricevere la newsletter del mio blog? Clicca qui, periodicamente ti arriveranno le ultime  ricette pubblicate o qualche idea speciale scelta per te!

Ti ricordo inoltre che puoi seguirmi anche su facebook o su twitter!

Print Friendly, PDF & Email

2 commenti

  1. Marina

    Ciao Marina,

    complimenti per la tua newsletter. E’ sempre fonte di grande ispirazione per me! ho una domanda da “nordica ignorante” cosa solo le papacelle?
    Grazie!
    Marina

    1. Ciao, grazie!!
      Le papaccelle sono dei piccoli peperoni, un po’ più duri dei peperoni normali, piccanti e dolci, che noi troviamo sia destate freschi, che d’inverno sott’aceto. Non so fuori della campania se si vendono, ma ti posso assicurare che sono ottimi!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.